giovedì 1 ottobre 2015

LE GRAVISSIME COLPE DI ENAC SUL "CANOVA"

Fiumicino, sopralluogo Riggio (Enac)
Vito Riggio Presidente ENAC
ENAC approva i Piani di Sviluppo Aeroportuali PSA
ENAC approva i Masterplan Aeroportuali
ENAC (come proponente) presenta le Istanze di VIA
ENAC controlla che gli Aeroporti rispettino le leggi (...dovrebbe)
ENAC (nelle more delle procedure di VIA) approva progetti
ENAC ottiene pareri positivi alla richieste di VIA
ENAC ottiene pareri negativi alle istanze di VIA
ENAC ritira le richieste di Istanza di VIA già presentate
ENAC richiede la Conformità Urbanistica dei Masterplan
ENAC partecipa alle Conferenze dei Servizi approvativi
ENAC ottiene il parere di Conformità Urbanistica
ENAC è quindi Controllore e Controllato
ENAC è in evidente Conflitto d'Interessi.
ENAC... ma chi cavolo ti controlla se sei tu che ti controlli?

Le soprascritte contraddizzioni di ENAC  sono prova reale dello scandalo e delle distorture della presentazione e messa in mora del Master Plan, Piano di sviluppo Aeroportuale 2011- 2030 Aeroporto di Treviso Antonio Canova. Il caos procedurale e interpretativo del decreto sulle valutazioni di impatto ambientale, V.I.A., sono raccolte nella storia della "supposta" (doppio senso) applicazione di questa normativa per il nostro aeroporto. Abbiamo una struttura che dovrebbe essere sottoposta a VIA dal 1999 e ancora non ha ricevuto un parere positivo dal ministero dell'ambiente, eppure continua a crescere sia in voli che passeggeri, il che significa più inquinamento e più disagi.

Ma se ENAC, che è ente pubblico, presenta a nome delle società di gestione i piani di sviluppo al Ministero dell'Ambiente per ottenere la VIA e poi deve anche controllare se tutto sia applicato, non è in pieno conflitto di interessi? Non è come contollare se stesso? Segnaliamo che questa è una contraddizzione di ruoli calmorosa!! In questo posizione ENAC diventa il sindacato delle compagnie di gestione e non un ente pubblico super partes. Questo è ciò che ha dimostrato nella gestione dello sviluppo dell'aeroporto di Treviso ritirando in maniera clamorosa la documentazione (SIA) che aveva presantato per nome e per conto di SAVE spa/AERTREspa.

In quelle carte ci dovevano essere i dati e le azioni di mitigazione per permettere alla gente e al territorio di convivere con la strutura, invece dopo tre pareri negativi secchi della CTVIA commissione del Ministero Ambiente), ENAC ha ritirato la procedura. Situazione gravissima che conferma le ombre o le oscurità procedurali segnalate dal Comitato e dalle associazioni ambientaliste e sociali, che a nostro avviso richiedono l'intervento di un'autorità giudiziaria. ENAC in questa storia ha domostrato di lavorare e fare gli interessi dei gestori aeroportuali e non di tutti gli stake holders interessati. Ha gravissime colpe nell'aver dato un autorizzazzione tecnica ai movimenti/ora (8) dopo la costruzione della nuova pista consentendo ai gestori di realizzare fino a 22000 voli/anno quando il limite era di 16300. Ha gravissime colpe nell'aver permesso senza decreto di VIA la costruzione di nuove strutture: ampliamento terminal, realizzazzione del nuovo sitema LVA all'interno delle aree del Parco del Sile, sito prottetto d normative europpe e nazionali, il nuovo parcheggio multipiano di fianco al Terminal terminato un mese fa e molto ancora. Un ente pubblico che non rispetta le leggi dello Stato non è in grado di rappresentare le istanze dei cittadini. Questa gestione ipocrita, sibillina, nonchè al di sopra delle leggi vigenti ha da finire. IL CASINO CHE CI TROVIAMO A TREVISO E' DA METTERE IN CONTO AD UN ENTE DI NOME ENAC CHE FA INTERESSI DI PARTE e non dell'intera comunità. Che ENAC si iscriva ad Assoaeroporti farebbe un atto di trasparenza!!! 

ENAC non può e non deve più presentare istanze di VIA a nome e per conto dei gestori aeroportuali, se non l'ha capito ci sono i tribunali!!! ENAC non solo ha chiaramente espresso di essere in conflitto di interessi ma per come è andata la storia qui a Treviso, ha dimostrato di essere in conflitto con se stessa se prima ha presentato un'istanza e dopo tre anni di valutazioni la ritira, inaudito!!
ENAC NON PUO' ESSERE CONSIDERATO UN DIO IN TERRA E CHIEDIAMO A TUTTE LE AUTORITA' COMPETENTI CHE INTERVENGANO PERCHE' GLI SCEMPI E LE INADEMPIENZE DI QUESTO ENTE PUBBLICO NON ABBIANO PIU' A SUCCEDERE!


0 commenti:

Posta un commento