mercoledì 30 ottobre 2013

COMUNICATO STAMPA

Comunicazione del direttivo in merito all’esito della commissione VIA e delle reazioni dei sindaci di Quinto e di Treviso.

Il comitato contro l’ampliamento del Canova intende leggere con attenzione il documento ministeriale e poi discutere con tutti i soci in una prossima sessione assembleare le iniziative da intraprendere.

Da anni denunciamo,con analisi di dati e valutazioni serie e ponderate, il rischio all’ambiente e alla salute pubblica costituito dall’attività dello scalo. Registriamo con grande soddisfazione l’adesione dei sindaci di Quinto e di Treviso alla linea che ha sempre caratterizzato la nostra attività insieme alle altre associazioni: Italia Nostra, ANPI, Legambiente, Fare Treviso ecc.

La votazione dei commissari del Ministero non lascia dubbi sulla fondatezza delle nostre storiche affermazioni: su 50, 48 favorevoli allo stop ampliamento.

La risposta minacciosa e demagogica del presidente Marchi, oltre ad essere priva di un reale
fondamento, dimostra l’arroganza di una cultura che perseguendo solo il profitto ignora i più elementari diritti della popolazione e offende l’espressione istituzionale del Ministero dell’Ambiente ed i suoi componenti.

Siamo in grado di puntualizzare ogni singola falsità sui benefici economici per Quinto e per Treviso tanto sbandierati, con analisi e dati non meno fondati e seri di quelli già da noi presentati sui rischi ambientali.

Il direttivo sta elaborando tutte le proposte e le iniziative per divulgare il quadro reale dell’attività del Canova unitamente a tutte le azioni legali da intraprendere per garantire la massima tutela del territorio e dei cittadini.

Chiediamo ai sindaci di Quinto e di Treviso di aprire da subito un tavolo condiviso per discutere sul tema e per consentire la massima informazione ai cittadini, cosa fino ad oggi negata.

Chiediamo ai nostri soci la massima disponibilità alle future iniziative e la massima adesione alle prossime riunioni che verranno comunicate per tempo.

LEGGE E DIRITTO CONTRO I FUORI LEGGE DEL PROFITTO.

0 commenti:

Posta un commento