venerdì 24 giugno 2022

"GLI ALBERI VANNO TUTELATI"


Così recita il titolo di un articolo del Gazzettino" di venerdì 19 giugno 2022 : si legge inoltre che
l'amministrazione sembra essere impegnata nella tutela e salvaguardia del verde pubblico, ma anche di quello privato tanto che lo scorso inverno sembra vi sia stata l'emissione di un centinaio di sanzioni per un altrettanto numero di Cittadini per delle irregolarità relative a potature, capitozzature e abbattimenti




Non certo un vanto il fatto che si debba arrivare a sanzionare i Cittadini per il non corretto trattamento del loro verde privato....sarebbe più utile forse investire nell'informazione e nel coinvolgimento della Cittadinanza al rispetto dell' Ambiente considerando anche la presenza sul territorio di una zona protetta quale:



il Parco Regionale del Fiume Sile (Sito di Importanza Comunitaria) e magari dare l'esempio assicurandosi che i vincoli ne vengano rispettati, ma i vincoli vengono rispettati? 
        Sarebbe lodevole e doveroso che la popolazione ne venisse informata.


Da anni il Comitato si batte per la difesa del bene comune, ma ci chiediamo: lo stesso trattamento riservato ai Cittadini multati vale anche nei confronti di chi ha "irregolarmente potato" quell'albero che una Cittadina di Treviso si è trovata danneggiato all'interno del giardino della propria abitazione di vicolo Sant'Agnese pochi istanti dopo la partenza di un Boeing?

il caso vuole che l'albero "al passaggio del Boeing, si è spezzato a metà ed è crollato a terra per buona parte" come si legge sull'articolo della Tribuna del 04 giugno 2022.

E'  possibile inoltre sapere se il verde pubblico e privato dei Cittadini che vivono sotto le rotte degli aerei a bassa quota che transitano da e per il Canova gode della stessa protezione del verde privato dei Cittadini multati? 

Noi le richieste di tutela del territorio le abbiamo inoltrate più volte! senza risposta. E non si comprende perchè da un lato dei Cittadini siano stati multati per "irregolarità relative a potature, capitozzature e abbattimenti" e dall'altro possano accadere simili assurdi eventi. 

Nel continuare la nostra battaglia ribadiamo che la nostra priorità rimane la difesa di: 

                   AMBIENTE , SALUTE E QUALITA' DELLA VITA  

è per questo che in data di Venerdì 08 luglio 2022 avrà luogo un'assemblea pubblica organizzata dalle maggiori Associazioni a difesa di Cittadini e Ambiente presenti sul territorio per informare la Cittadinanza su temi ambientali che la coinvolgono pienamente e dei quali poco si parla.

                                                                                                                        IL COMITATO




giovedì 16 giugno 2022

ASSEMBLEA PUBBLICA DEL COMITATO A QUINTO: GRANDE PARTECIPAZIONE!

 



Un vero  successo l'assemblea pubblica organizzata lo scorso Venerdì 10 giugno 2022 dal Comitato a Quinto di Treviso che ha visto l'intervento dell'Avv. Ceruti.

L'avvocato, esperto in materia ambientale, che rappresenta il Comitato, LegambienteItalia Nostra nella presentazione del

  RICORSO STRAORDINARIO AL CAPO DELLO STATO ,

ha spiegato i punti salienti del documento, corredato da perizie giurate di Consulenti di straordinaria fama a livello nazionale.

Rispondendo ai numerosi interventi dei presenti sono emerse con chiarezza le gravissime lacune dell’istruttoria e le responsabilità delle Amministrazioni locali e degli Enti preposti alla tutela del bene comune.

Presenti anche numerosi rappresentanti delle Associazioni di Legambiente, Italia Nostra, Friday for Future, Extintion Rebellion, Europa Verde, nonchè il Consigliere Regionale Andrea Zanoni, membro della Commissione Ambiente del Consiglio Regionale del Veneto e la Portavoce del Sen. Gianni Girotto, intervenuta anch'Essa a sostegno del Comitato, ma anche di molti Cittadini che si sono avvicinati per la prima volta al Comitato consapevoli del grave disturbo creato dagli aerei così vicini alle loro abitazioni e preoccupati per la loro Salute, la loro Sicurezza e quella dei loro bambini. 

Presenti anche Cittadini dei quartieri di S.Maria del Sile, S.Giuseppe, S.Angelo, S.Trovaso, Preganziol, recentemente balzati agli onori delle cronache per le loro proteste contro i frequenti sorvoli degli aerei a bassa quota.

La serata, particolarmente partecipata, che ha visto numerosi interventi del pubblico, avrà seguito in una ulteriore assemblea a tema ambientale convocata per il giorno 8 luglio 2022 , che vedrà la presenza di Relatori di grande competenza scientifica sui temi della Salute, della Sicurezza e della Tutela del territorio.

Nel frattempo il Comitato ringrazia Tutti per la numerosa partecipazione e per il sostegno dimostrato!

                                GRAZIE!


All'inizio dell'assemblea è stato proiettato un famoso cortometraggio:


                                             L'UOMO CHE PIANTAVA GLI ALBERI


che fa comprendere come progresso ed economia debbano prevedere l’Uomo, l’Ambiente in cui vive e la  Qualità della Vita come valore primario. 

Dispiace vedere come un territorio con risorse naturali inestimabili venga stravolto da opere altamente impattanti.                                                                                                




FERMARE L’ AMPLIAMENTO E’ POSSIBILE!!!


RISPETTARE CITTADINI E TERRITORIO E' DOVEROSO!!!


 

 

                                                                                                           

         Il COMITATO



                                                                                                          

lunedì 6 giugno 2022

TREVIGIANI CON IL COMITATO


Quinto di Treviso, 07 giugno 2022

da La Tribuna di Treviso del 04/06/22:

"Decolli bassi su Treviso, albero si schianta a terra 


"TREVISO. La sfilza di decolli in direzione San Giuseppe dall’aeroporto Canova che giovedì aveva messo in allarme i residenti venerdì non si è fermata, anzi. È proseguita a ritmo serratissimo creando ancora domande e stavolta inattesi inconvenienti."

Numerose le persone residenti a Treviso che a seguito dei decolli che si eseguono dal Canova in direzione della città contattano allarmati il Comitato.

Ci rendiamo conto quanto sia grande il disagio che i residenti finora mai coinvolti dalle movimentazioni o solo parzialmente si trovano a vivere, disagi e qualità della vita pessima che i residenti del comune di Quinto vivono da anni nonostante le numerose segnalazioni fatte alle Autorità.

Il Comitato a seguito dell'approvazione da parte del Ministro della Transizione Ecologica Cingolani al parere positivo della Valutazione di Impatto Ambientale dato al masterplan presentato dal gestore, parere cui il precedente Ministro dell'Ambiente Costa NON aveva apposto la Sua firma, ha per questo presentato il RICORSO STRAORDINARIO AL CAPO DELLO STATO per l'annullamento di tale parere.

E' per questo che, seppure si voglia spesso far intendere come tutto sia già autorizzato per procedere con l'ampliamento,  riteniamo sia opportuno che soprattutto i Cittadini ora coinvolti dalle movimentazioni e costretti a subire gli effetti negativi di questa attività siano correttamente informati sul fatto che allo stato attuale l'iter per procedere con l'ampliamento richiesto NON sia affatto terminato ed autorizzato. 

Questi fatti dimostrano come le ragioni del Comitato non siano fantasiose, ma basate su reali dati e su reali situazioni che da anni sono sotto gli occhi di tutti:





E' possibile vivere in queste condizioni in un Paese civile? 

Sono state opportunamente valutate dalla Commissione VIA Nazionale e dal Ministro Cingolani le reali condizioni in cui molti Cittadini sono costretti a vivere?

I residenti di San Giuseppe e dei quartieri ora coinvolti dalle conseguenze di scelte di altri sono costretti a vivere hanno tutta la nostra solidarietà e ci stiamo opponendo a tale progetto tutto basato sugli interessi dei soliti noti anche per loro!

IL COMITATO

mercoledì 15 settembre 2021

UN'ALTRA OCCASIONE PERSA! RISPOSTA AL SINDACO M. CONTE

 Perché il Sindaco di Treviso e' venuto sulla nostra pagina Facebook a provocare ed invitare i suoi "fans" alla gazzarra contro il Comitato? 

Premettiamo subito che chi ha insultato il sindaco Mario Conte al memento non sappiamo chi sia e non ha niente a che fare con il Comitato e l'associazione ODV che lo rappresenta. Fatto questo chiarimento quello che ci chiediamo come mai in una pagina che fa informazione sulle condizioni ambientali e della salute pubblica dei dintorni aeroportuali dove in genere al massimo si ricevono 10/15 commenti per post questa volta si sono espressi 191commenti? Abbiamo ricevuto la visita inaspettata del Sindaco Mario Conte con cui, tutti lo sanno, non ci sono opinioni concordanti sulla questione Aeroporto. TUTTO E' SUCCESSO PER QUESTO POST: https://www.facebook.com/188578167851742/posts/4331350583574459/

Dopo che noi abbiamo dichiarato di aver spedito una lettera alla Commissione Ambiente EU sulle condizioni ambientali in cui versa la città di Treviso, il Sindaco Mario Conte ha postato un lungo commento sulla nostra pagina FB. Poi è successo il finimondo: come una sciame di vespe arrabbiate si sono presentati tra i tanti una maggioranza di supporter del sindaco e del suo partito. Sono partiti insulti e commenti soprattutto sulle case dei residenti trattati come appestati. Si sono susseguite una serie di commenti crudi e volgari tra i suoi sostenitori e qualcuno arrabbiato che non conosciamo ha risposto allo stesso modo. Noi non abbiamo potuto moderare i commenti in quanto travolti da una discussione che era già degenerata in poche ore. E comunque contrariamente al trattamento che viene riservato a noi o a chi muove civilmente delle obiezioni contro l’attività dell’aeroporto sulla nostra pagina Facebook non blocchiamo nessuno e permettiamo a tutti i esprimersi, così funziona in democrazia. Soltanto dopo la telefonata della giornalista del Corriere Veneto, Silvia Madiotto, che ci ha informati del fatto verso le ore 17.00 17.30 abbiamo preso atto della situazione e di quanto un nostro semplice post avesse scatenato i commenti espressi in maniera incivile quando trascritti in corretto italiano.Questa e' la cronaca. 

Ci siamo chiesti perché il Sindaco, per così dire e' venuto a casa nostra, a provocare la rissa. Oltretutto ha un ruolo istituzionale quindi la moderazione e' d'obbligo. In quella situazione così agitata, il sindaco aveva l'opportunità, visto il suo ruolo, di invitare tutti ad aprire a un dialogo civile invece non l'ha fatto e non si può porre la scusa di poche righe di uno sconosciuto dettate da ira e sconforto, per giustificare la continua aggressione nei confronti di onesti e civili cittadini quali che siamo!! Non solo e' venuto in casa di altri a sfottere dicendo: "Con il vostro sostegno siamo tra le migliori 5 città d'Europa...i commissari hanno apprezzato.., perché a differenza dei fanatici sono persone competenti e molto preparate, per questo hanno tanto apprezzato le nostre politiche, compreso il tema aeroportuale. Sempre grazie anche a coloro che come sempre remano contro tutto e tutti...non riuscendoci come in occasione... Grazie Comitato"

Noi non ci siamo esposti perché avevamo capito che era una dichiarazione fatta da persona arrabbiata e delusa in cerca di vendetta per quello che avevamo dichiarato alla Commissione Europea. Ci siamo anche chiesti: "se ha fatto una mossa così azzardata da venirla a raccontare sulla nostra pag. FB, portandosi dietro un'orda di adepti che lo incitavano "con bravo sindaco", "vai avanti così", sarà stato in grado di capire che ci sarebbero state delle conseguenti reazioni?". O e' una persona non in grado di comprendere che nel suo ruolo può provocare, con quello che scrive, reazioni anche scomposte ed in questo caso si dimostrerebbe persona immatura e priva di coscienza, oppure conosce bene i meccanismi dei social e coscientemente e' venuto a provocare il Comitato?

Visto che lui continuava a postare battutine e butade provocatorie e senza senso: "COMITATO AEROPORTO TREVISO non sapete più che pesci pigliare, capisco la disperazione". COMITATO AEROPORTO TREVISO il problema è che vi contestano anche i vostri. Ormai siete solo politica e la peggiore"; visto che continuava a dire cose senza senso come se fosse stato morso dalla tarantola, ad un certo punto siamo stati costretti a dirgli noi di ritornare nei ranghi istituzionali. Niente continuava a postare commenti "COMITATO AEROPORTO TREVISO ormai non vi crede più nessuno"; "COMITATO AEROPORTO TREVISO una barzelletta". A questo punto siamo stati costretti a dirgli di farsela finita. Ha smesso nella nostra pagina ed il giorno dopo ha continuato a provocarci insinuando falsità e bugie sul Comitato nella sua pag. FB legando il nostro comportamento a quello dell'anonimo che lo aveva insultato. Per lo meno, letti i commenti nei suoi post, questo e' quello che i suoi fan percepiscono e lui non ha mai smentito.

Reputiamo veramente preoccupante un comportamento di questo genere che denota la pochezza morale e la mancanza di un'etica del dialogo visto che quello che lui posta poi nella discussione diventano insulti gratuiti dei suoi supporter. Un'altra occasione persa! Quello che però il sindaco non ci ha mai chiesto e' cosa c'era scritto sul documento che abbiamo spedito alla Commissione del Premio Capitale verde d'Europa.

Semplicemente abbiamo riportato gli sforamenti di Polveri sottili e altre sostanze cancerogene (più di 80/anno), gli impatti acustici del traffico generato dall'aeroporto che si riversa anche sulle scuole adiacenti al sedime aeroportuale. Mancanza di fognature in varie parti della città, poco rispetto per il Parco del Sile, forte consumo del territorio generato da edilizia ed infrastrutture per la mobilità su gomma. Tutte cose vere certificate da dati riportati da varie istituzioni. Perché il sindaco e la sua maggioranza si arrabbiano scatenando inutili polveroni non si capisce; forse si erano dimenticati di informare la Commissione?

Come è stato dichiarato da alcuni esponenti della maggioranza in Comune, che hanno osservato con tanta ammirazione la presenza dei numerosi bambini che hanno partecipato all'evento di premiazione, perché non spiegare come da anni altri bambini come loro, quelli della scuola materna di Quinto di Treviso vivono una condizione inaccettabile in una fase così sensibile della loro esistenza? Sono forse da considerare meno importanti? L’ha spiegato il sindaco Conte alla Commissione Europea come sono costretti a vivere questi bambini e i Cittadini di Quinto coinvolti dalle movimentazioni aeroportuali del Canova? Chi risponderà in caso di accadimento nefasto?

Treviso non e' una città sana e senza inquinamento, ci siamo ritenuti in coscienza di passare questi dati reali alla Commissione! Se invece di perseguire ancora con ottusa insistenza per ottenere a tutti i costi un premio per una città con i problemi ambientali di Treviso, l'amministrazione facesse passi concreti per risolvere il problemi dell'inquinamento? Riduzione delle attività dell'aeroporto Canova; convogliare parte del trasporto su gomma su rotaia, potenziando il sistema ferroviario locale; incentivare gli interventi per aumentare la classe energetica delle abitazioni; nuovi edifici solo in bio edilizia.

Rispondiamo in modo garbato ad una delle provocazioni del sindaco: " Sempre grazie anche a coloro che come sempre remano contro tutto e tutti...non riuscendoci come in occasione dell'approvazione della VIA nazionale". Attenzione Sindaco, non inciampi per l'ennesima volta! L'approvazione della VIA, valutazione di impatto ambientale e' legata a tredici 13 prescrizioni che dovono essere realizzate entro 2 anni, pena la sospensione del parere positivo. A quanto ci risulta poco è stato fatto, quindi forza! Gambe in spalla e pedalare che la strada e' molto in salita!!! Invece di continuare a fare minacce di denunce, (noi ne potremmo fare migliaia per i continui insulti che riceviamo), sono cose che capitano quando ci si improvvisa leoni da tastiera, utilizzi qualità come saggezza e meditazione, la rabbia ed il dispiacere passeranno. Peace and Love, sindaco e questo lo diciamo in maniera seria! Su questi due valori non si può mai scherzare! Consigliamo inoltre al Sindaco di aprire un serio dibattito su come affrontare i problemi ambientali della città, noi siamo pronti a dare il nostro contributo. E' un invito che facciamo ai consiglieri comunali nei banchi dell'opposizione e a tutte le parti in causa che desiderano il bene di questa bellissima città. Poi faremo le competizioni in Europa, quando la città sarà veramente Green!