sabato 14 gennaio 2017

CARI SINDACI: NE' ALLARMISMO NE' STRUMENTALIZZAZIONE, SEMPLICE REALISMO

In considerazione delle argomentazioni presentate dai Sindaci di Quinto di Treviso: Mauro Dal Zilio e Morgano: Domenico Rostirolla,
nelle dichiarazioni rilasciate al quotidiano La Tribuna di Treviso in data 13.01.2017, replicando al nostro comunicato stampa emesso l'11 gennaio, riteniamo utile precisare che le argomentazioni di riferimento sono basate su consuntivi ufficializzati da ARPAV e riferite esclusivamente alla sostanza cancerogena Benzo(a)Pirene" e non "Benzene".
I valori di tale sostanza, in tutti i siti influenzati dalle movimentazioni aeronautiche ed analizzati, risultano notevolmente superiori al limite medio annuo consentito: 1 nanogrammo/mc e siccome trattasi di inquinante tipico del periodo invernale, è stata riportata anche la media di riferimento che risulta abnorme.
In conseguenza della pericolosità e delle concentrazioni riscontrate, il Comitato ritiene doverosa la sensibilizzazione delle Autorità e dei Cittadini coinvolti e tacere tali dati lo riteniamo un atto incosciente e grave ai sensi della salvaguardia della salute!
Ci sconcerta la reazione scomposta e priva di fondamento dei Sindaci di Morgano e Quinto considerato il fatto che sono loro ad avere la responsabilità della salute delle persone e che oltre a informare dovrebbero individuare le fonti inquinanti e porre rimedi per prevenire e salvaguardare.
L'origine della sostanza di riferimento è determinato dalla combustione di combustibili pesanti. Normalmente si dà colpa a legna, pellet,"diesel" ma va menzionato il più complesso cherosene, utilizzato per le movimentazioni aeree. Pertanto è giusto e doveroso considerare questa non trascurabile fonte di inquinamento, noi lo abbiamo fatto se i Sindaci hanno altri riferimenti contribuiscano e diano chiarimenti perché la situazione è grave in quanto stiamo parlando di un inquinante considerato altamente cancerogeno.
E' bene rammentare che il "Benzo(a)Pirene" viene determinato nel particolato PM 10 (il meno pericoloso) ma in quantità superiore viene assorbito dalle polveri PM 2,5 e nanopolveri oltre che essere presente in fase gassosa. Tali ricerche non vengono espletate perché non inserite nella Normativa Italiana mentre è prevista la presenza e la ricerca sul terreno (deposizione).
Per quanto concerne la provocazione riferita da Rostirolla nell'articolo citato: "dov'è l'aeroporto a Castelcucco" si fa presente che ogni Comune presenta la propria peculiarità; l'inquinamento della zona potrebbe essere provocato dalle emissioni dei camini del cementificio di Pederobba, dalla presunta notevole combustione di legna/pellet o dalla configurazione geografica non favorevole del Comune, la cosa grave è che ogni primo Cittadino dovrebbe conoscere le fonti di tale inquinante altrimenti non c'è possibilità di miglioramento dell'aria.
Per quanto riguarda le dichiarazioni del Sindaco Dal Zilio che ci manda a dire di avvertire Manildo per il tavolo tecnico le rispondiamo che il Comitato non è un postino e non abbiamo neanche relazioni così idilliache. Tra Istituzioni se c'è il desiderio di fare gli interessi dei cittadini, ci si parla, quindi suggeriamo di scrivere e cominciare ai media e anche a noi pubblichiamo ben volentieri! Egregio Sindaco Dal Zilio se ha tanto voglia di fare dei tavoli tecnici oltre che convocare Manildo convochi anche noi siamo disposti a dare il nostro contributo ed i nostri suggerimenti su cosa fare visto la penuria di iniziative in tal senso della sua amministrazione. Dopo che Ennio Brunello, ex assessore (che ringraziamo per il suo impegno e la sua dedizione alla risoluzione dei problemi aeroportuali) abbiamo notato che pur avendo la delega su questa questione,  si è seduto immobile sulla sua "carega" e ogni tanto fa Bla, Bla. Caro Sindaco Noi siamo con Lei, diamo massima collaborazione solo se invece di parlare passa ai fatti concreti. P.S. per Dal Zilio, siamo costretti a queste comunicazioni e a questi toni perché nonostante le nostre numerose lettere e richieste di incontro Lei non ci ha mai risposto.

0 commenti:

Posta un commento