martedì 27 ottobre 2015

ARIANNA SPESSOTTO M5S: INTERROGAZIONE PARLAMENTARE

Arianna Spessotto M5S
 A seguito di una nostra richiesta di intervento per fare chiarezza sulle innumerevoli inadempienze di ENAC riguardo al nostro aeroporto e ad altre situazioni simili sparse per gli aeroporti Italiani, Arianna Spessotto portavoce Movimento 5 Stelle e parlamentare alla Camera ha firmato questa Interrogazione.

Questo è il comunicato stampa che accompagna l'iniziativa:
COMUNICARO STAMPA ARIANNA SPESSOTTO M5S
Sebbene la VIA e la VAS siano obbligatorie per legge per le infrastrutture aeroportuali, è ormai tristemente noto che i principali aeroporti italiani continuano ad eludere tali prescrizioni con la conseguenza che ci sono migliaia di persone, che vivono vicine agli aeroporti, rese ostaggio di interessi speculativi delle compagnie aeree e delle società di gestione aeroportuali.
E' il caso dell'Aeroporto Marco Polo di Venezia dove sono in corso lavori di ampliamento senza che l'aeroporto abbia ancora ricevuto un'autorizzazione di valutazione dell'impatto ambientale, o del Catullo di Verona, per il quale Enac ha già siglato un accordo di programma per il suo ampliamento, senza che sia stata inviata la richiesta di VIA al Ministero dell'ambiente. Stessa cosa per l'aeroporto G.B Pastine di Ciampino, a Roma, che continua ad aumentare il traffico dei voli e dei passeggeri senza aver mai aperto un procedimento di VIA, sebbene l'anno di riferimento dove definire lo stato di fatto “Opzione Zero" da cui iniziare la valutazione degli impatti ambientali da inserire nella procedura di V.I.A. dovrebbe essere l’anno 1999 e cioè quando è entrata in vigore la Direttiva 99/11/CE e che la CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez.5^ 21/03/2013 Sentenza causa C-244/12 ha riconfermato l'obbligatorietà dell'istruttoria per tutti gli aeroporti.
Emblematico e scandaloso è il caso dell'aeroporto Canova di Treviso che da 15 anni non riesce a ottenere un parere di Valutazione Ambientale positivo e, pur avendo un limite dei voli mai fatto rispettare da ENAC, negli anni si è assistito ad una crescita di voli e passeggeri pari o superiore al 400%.
SACBO società di gestione dell'aeroporto Orio al Serio di Bergamo e ENAC hanno perso un ricorso al TAR e al Consiglio di Stato contro comitati, amministrazioni locali e Legambiente per inadempienze nell'applicazione della VAS valutazione ambientale strategica.

Ciononostante, le procedure di VIA e VAS sembrano essere diventate un optional per le infrastrutture aeroportuali, proprio mentre il traffico aereo è in costante crescita così come le emissioni inquinanti prodotte dall’aumento dei voli e dei passeggeri. Come portavoce del M5S, chiediamo ai Ministri competenti che diano concrete spiegazioni del comportamento di ENAC ente nazionale aviazione civile, al quale compete con grossi conflitti di interesse il ruolo di "controllato" e "controllore" di questo settore strategico della nostra economia.

0 commenti:

Posta un commento