giovedì 1 dicembre 2011

LA SICUREZZA DI AERTRE A SCAPITO DEI CITTADINI?

Abbiamo avuto segnalazione da molti cittadini, e da molti soci del Comitato di una lettera spedita da AER TRE Aeroporto di Treviso spa inviata a tutti i residenti confinanti con l'aeroporto A.. Canova. Nella lettera datata 07 novembre 2011 Prot. 2172, si spiega che tutti i cittadini confinanti devono adeguare la loro proprietà, per almeno 5 metri dal confine del sedime aeroportuale,
alle misure di sicurezza dettate dal Programma Nazionale di Sicurezza. Nella lettera viene anche indicato che se il proprietario confinante non provvede alle indicazioni prescritte, la Società Aer Tre spa si troverà costretta ad informare le Autorità competenti. Come riporta un articolo de il Gazzettino del 30.11.2011 firmato da Mauro Favaro,
Tutti gli alberi e le siepi che circondano il "Canova" dovranno essere abbattuti. Così come dovranno essere rasi al suolo i fabbricati che sorgono vicino alle recinzioni della pista.”
Credo che questo "comunicato di guerra" di AERTRE ai cittadini PROPRIETARI confinanti con l'aeroporto sia inopportuno e pretenzioso. Le norme di sicurezza vanno attuate ma all'interno del sedime aeroportuale altrimenti è uno sconfinamento nella proprietà privata di qualcun altro. Perchè AERTRE non recupera quei 5 metri di sicurezza di applicazione delle norme anti intrusione e antiterrorismo all'interno della sua proprietà? Perche' i privati cittadini proprietaridi immobili o terreni confinanti con l'aeroporto dovrebbero impegnare a vita una parte della loro proprietà per motivi di sicurezza? E' come vendere o affittare senza ricevere nessun compenso, senza nessun contratto pendente una parte della propria proprietà!!  Questo dovrebbero chiedersi i cittadini e non subire le pressioni della società di gestione. 
L'AEROPORTO IMPEGNI LA SUA AREA DI PERTINENZA!!!!
Il fatto strano è che questa misura non è stata nè programmata nè preventivata, se AERTRE ha mandato la comunicazione ai confinanti poche settimane prima della riapertura dell'aeroporto. 
A nostro avviso qui ci troviamo o di fronte ad un atto di arroganza estrema a ad un situazione di estrema disorganizzazione nella messa in esercizio delle regole di sicurezza aeroportuali!! Ma come, l'amministratore delegato SAVE, Paolo Simioni qualche mese fa non aveva rassicurato la gente di un intervento con opere di mitigazione anti rumore e anti inquinamento pari a 5 milioni di Euro? Ma tra le opere di mitigazione non c'erano anche tutta una serie di piantumazioni di alberi e arbusti che il gestore aeroportuale doveva fare intorno all'aeroporto come sentenzia un documento di valutazione ambinatale della Regione Veneto che fin dal 07.06.2005 impone?
Qui bisogna capire: è diritto del cittadino confinante crearsi della vegetazione, delle siepi o avere degli alberi sul confine atto a mitigare rumore e inquninamento aeroportuale oppure dobbiamo fare tabula rasa di tutto per osservare il Piano di Sicurezza Nazionale? Eppure non sarebbe più logico e coerente che l'aeroporto utilizzasse il proprio sedime per crearsi barriere anti intrusione e un area di sicurezza larga 5 metri?
Ma poi queste misure di applicazione del Piano di Sicurezza Nazionale che è in vigore dal 2008 viene applicato solo ora? E ci poniamo un'altra domanda: siamo sicuri che anche all'interno del sedime aeroportuale tutte le misure di sicurezza siano state applicate o come al solito, come si fa in Italia, quando c'è qualcosa di pericoloso e incoerente con le leggi vigenti si demanda la cosa in deroga
Chiediamo anche: come saranno applicate le norme di sicurezza sul pontile situato a fondo pista dove sono dislocati i fari del sentiero luminoso  che è fuori dal sedime aeroportuale e si riversa all'interno dell'ansa del fiume in pieno Parco del Sile,  Zona Tutelata da normative Europee? Metteranno una Rete per non far arrivare i terroristi via fiume oppure prosciugheranno l'ansa per creare un'area di sicurezza?? A noi sembra una situazione grottesca tendente alla satira questo modo di applicare norme importanti sulla tutela della sicurezza nazionale!!!! 
Ma AER TRE è una SPA e può emettere ordinanze? Se vi sono da tagliare gli alberi non ci vuole un'ordinanza del Sindaco che è l'unica autorità che può emettere ordinanze!!! Dal Zilio e Gobbo se ci siete battete un colpo!!!
    
Il Comitato si impegnerà per avere delle risposte dalle autorità competenti e nelle sedi appropriate a tutela della sicurezza dei cittadini e soprattutto per il rispetto dei regolamenti vigenti in materia.

20 commenti:

  1. Invito tutta la cittadinanza a recarsi di persona in Via della Moncia lato Canizzano, basta girare a sinistra una volta attraversato il ponte posto in vicinanza della sede Kayak Treviso e del ristorante Ai Mulini. Si può così osservare la "desertificazione" del paesaggio causata dall'estirpazione della siepe che era situata sul lato recinzione. 500 metri quadrati di vegetazione eliminata, di sicuro un danno per molte specie di fauna legate ad essa per motivi di alimentazione, rifugio, via di spostamento (il cosiddetto corridoio ecologico), riproduzione nella stagione idonea, ecc. Per fare un esempio di una specie attiva nella nostra zona in periodo invernale e che sicuramente non è stata contenta di questa estirpazione faccio riferimento allo scricciolo. Ci tengo a precisare che si parla sempre di territorio ricadente all'interno del Parco Sile. Proseguendo in avanti seguendo la recinzione portuale, si può arrivare fino alla sponda del Sile, zona questa considerata nel Piano Ambientale del Parco Sile come Riserva Naturale Orientata, e quindi ad alta protezione, nonché area di massimo pregio naturalistico. Aspetto importante da non dimenticare, il tratto del fiume in questione con le relative sponde è anche area SIC (Sito di Importanza Comunitaria). Tutto questo non è altro che la certificazione della notevole valenza ambientale e paesaggistica del luogo, caratteristica facilmente osservabile da tutti. Ecco, pure in questa zona così descritta, dei salici bianchi hanno subito tagli.

    RispondiElimina
  2. che razza di delinquenti... ma quanti altri sopprusi deve subire la popolazione prima che si incazzi?? a volte mi stupisco della capacità di sopportazione degli italiani!

    RispondiElimina
  3. CONFORTIN DOVE SEI? TANTO HAI ROTTO PER IL PARCO DEL SILE ADESSO NON PARLI PIU ...NON TI INTERESSA PIU...ADESSO E IL MOMENTO DI DIRE QUALCOSA DI IMPORTANTE... GIUSTO DIFENDERE QUELLI CHE LAVORANO..MA QUELLI CHE CI VIVONO DENTRO SONO MENO IMPORTANTI SECONDO TE..

    RispondiElimina
  4. Confortin ha dato carta bianca. "Non mi prendo la responsabilità se qualche uccello dovesse causare la caduta di un aereo". Testuali parole, l'ho contattato ieri telefonicamente. Mi parlava di 380 ml di alberi da abbattere. Non sapeva come giustificarsi: "ordini superiori". E' evidente che "qualcuno" riesce ad influenzare molta gente che conta. Se chiamate l'agronomo dott. Marchi vi può elencare le zone soggette ad estirpazione.

    RispondiElimina
  5. Libero Lospero1 dicembre 2011 15:33

    La lettera incomincia con questa frase: "L'aeroporto di Treviso è tenuto a dare applicazione del Programma Nazionale di Sicurezza"...ma l'aeroporto ha competenza applicativa nella sua area non a casa mia spero!!!! E ALLORA DOVEVA UTILIZZARE LE SUE AREE DI COMPETENZA PER ATTUARE IL PIANO. Che competenza ha a casa mia il direttore Gian Antonio Carrer e il Presidente Marchi? A me non risulta che si siano candidati alle ultime Comunali nè a Quinto nè a Treviso.... Oppure hanno cambiato i Sindaci?... se così fosse c'è stato un golpe e non ce ne siamo accorti!

    RispondiElimina
  6. Libero Lospero1 dicembre 2011 15:49

    Sul documento si dice: "infatti per almeno 5 metri dalla recinzione non vi devono essere nè fabbricati nè vegetazione di alcun tipo......... Nella denegata ipotesi che lei non vi provveda, ci troveremo costretti ad informare le autorità competenti" se qualcuno mi dicesse che lo ha scritto una società per azioni non ci crederei ...sembra proprio una ordinanza di un sindaco!!! Che la SAVE/ aertre si sia sostituita ai sindaci?

    RispondiElimina
  7. Per quanto riguarda le norme antierrorismo se mozzare gli alberi sotto l'altezza di cinque metri, come dichiara Magaton oggi sul Gazzettino significa applicare forzatamente le norme anti intrusione e antiterrorismo imposte da AERTRE MI Dà DA PENSARE che a Treviso si pensa che i terroristi siano dei ninija delle scimmie rampicanti! Magaton presidente dell'Ente parco Sile mente e sa di MENTIRE!!

    RispondiElimina
  8. ORMAI COMANDA IL FACCENDIERE DITTATORE ARRONGANTE E PRESUONTOSO CIRCONDATO DALLA CORTE DEI MIRACOLI TREVIGIANA E SOPRATUTTO QUINTINA MA CI SARA UN MODO LEGALE PER FERMARLI? SI O NO?
    MA SARA MAI POSSIBILE CHE LA GENTE COMUNE NON RIESCE MAI AD AVERE GIUSTIZIA!

    RispondiElimina
  9. Scusate, la normativa dice così? Ebbene è giusto che venga rispettata però la cosa deve essere bilaterale quindi aspettiamo al varco ed appena l'aeroporto andrà contro qualche regola (potrebbe essere per numero di voli, ma anche magari con una rilevazione del rumore) si va dal giudice (o le "autorità competenti") a fare rispettare le regole, che ne dite?

    RispondiElimina
  10. E' vero che la nosmativa dice così, ma il problema è che è una mera interpretazione di Save/Aertre che i 5 metri devono essere recuperati all'interno delle proprietà dei confinantiAertre è una societa per azioni e non è un'autorità pubblica che può dare ordini alla cittadinanza. Non solo chi ha queste competenze è ENAC che ordina in seno agli aeroporti le direttive per il Piano Nazionale della Sicurezza. Al di fuori dell'aeroporto chi ha competenze territoriali ammnistrative e per la sicurezza sono I Sindaci e il Prefetto che in questa storia non si sa che fine hanno fatto!! una S.P.A. non mi può venire a dire quello che devo fare in casa mia perchè non ne ha l'autorità!!!

    RispondiElimina
  11. finalmente riapre l'aeroporto

    RispondiElimina
  12. PER ULTIMO ANONIMO NON MERTI NESSUN COMMENTO...

    RispondiElimina
  13. avete rotto i coglioni andate a lavorare e pagatemi tutti i soldi ke ho perso...ki mi rimborsa questi???Faraoni va fora dai cojoni TERON DE MERDA...P.S. SE DOVETE PRENDERE L'AEREO STATE ALLA LARGA DAL CANOVA PER LA VOSTRA SICUREZZA..CHIARO W IL CANOVA KE RIAPRE

    RispondiElimina
  14. DISPIACE SENTIRE QUESTE OFFESE E MINACCE...FA SICURAMENTE RIFLETTERE IL QUOZIENTE DI INTELLIGENZA
    DI ALCUNI INDIVIDUI CHE PARTECIPANO ALLE VARIE DISCUSSIONI.VEREBBE DA RISPONDERE ALLA STESSO MODO..MA NON SARANNO NE CON LE MINACCE NE CON LE OFFESE CHE CI FERMERAI DOVE POTREMMO ARRIVARE ARRIVEREMO STANNE PURE CERTO...TI SALUTO CORDIALMENTE E CHE LA NOTTE TI PORTI CONSIGLIO CIAO E BUON LAVORO PER LUNEDI

    RispondiElimina
  15. Avanti Dante non farti mettere paura da persone ignoranti, siamo con te, continua così!

    RispondiElimina
  16. Dante non dobbiamo aver paura delle minacce e delle offese sappiamo gia a che frangia politica appaertengono. Sono in difficolta e sanno di non avere argometazioni offendono,farneticano,sono in trans non si ricordano quello che dicono.Accusano noi di essere quelli che rompono i c...quando sanno perfettamente di essere in torto si sono permessi di ignorare una sentenza del TAR.Esigono pero che noi rispettiamo la LEGGE ma quale? La loro naturalmente!E no ormai sono loro che ci hanno rotto i c...percio DANTE ...VAI AVANTI TI STIMIAMO CIAO

    RispondiElimina
  17. finalmente domani si riesce a far ripartire il canova...era ora...

    RispondiElimina
  18. Per noi abitanti di Quinto domani sara l inizio di un nuovo inferno.Gli abitanti di un paese intero verranno sacrificati per interessi di poche persone.Con la compiacenza di politici locali ai quali hanno contribuito anche i nostri voti alla loro elezione e che adesso noi non serviamo piu,anzi diamo fastidio.Anche i sindacati ci hanno fatto la guerra sostenendo che era impesabile chiudere l aeroporto per tutelare i posti di lavoro.Questo da parte nostra NON E MAI STATO detto abbiamo SOLO PRETESO CHE LA LEGGE VENISSE RISPETTATA ma ci e stato negato anche questo diritto.Per questo motivo ho stracciato la tessera dei sindacati MAI PIU mi iscrivero perche ritengo che i sindacati devono difendere non mettere discordia tra lavoratori e lavoratori cittadini vero Barbiero e Confortin? e quando verrete a fare assemblee guardate negli occhi gli operai perche qualcuno potrebbe essere di QUINTO!Siamo stati offesi,minacciati derisi perche abitiamo la..quando la mia famiglia abita da tre generazioni a QUINTO pecio questi tipi di discorsi non vanno neanche considerati.Spero solo con tutto il cuore che non succeda mai niente di pericoloso...Concludo festeggiate pure intanto un paese si prepara a morire vero sindaco? Miraccomando la tassa per l ICI non farla applicare perche le case di QUINTO NON VALGONO PIU NIENTE E LEI LO SA MOLTO MEGLIO DI ME...

    RispondiElimina
  19. Solidarieta Dante, dopo aver letto certi commenti mi vergogno di essere veneto , ignoranti e stupidi come bestie ce ne sono tanti anche a Treviso, cavie perfette per annusarsi le potenti scorregge aeree del dott. Marchi, pensano che con i soldi si possa comprare tutto,anche un paio di polmoni nuovi, solo quando si ammalano si rendono conto che non è così!
    forza comitato controlliamo che non sforino il numero di voli,altrimenti sotto con le denunce!!

    RispondiElimina
  20. SI CONCORDO CON TE FORZA RAGAZZI ... NON DOBBIAMO AVER PAURA ...DANTE SIAMO CON TE DIMOSTRIAMOGLI CHE SAREMO SEMPRE UN SPINA NEL FIANCO...A COLORO CHE CI DERIDONO CHE CI OFFENDONOP PERCHE NON HANNO ARGOMENTI MOSTRIAMO IL DITO MEDIO AL CIELO..E BARRA A DRITTA SEMPRE PERCHE SAPPIAMO DI ESSERE NEL GIUSTO...A PROPOSITO SIGN.SINDACO NOI NON DOVREMO PAGARE LA TASSA SULLA CASA PERCHE LA NOSTRA NON VALE NIENTE LO TENGA PRESENTE AL PROSSIMO CONSIGLIO COMUNALE VISTO CHE LEGA DICE PRIMA I VENETI,LE DICA PRIMA QUELLI CHE ABITANO A QUINTO PERCIO ESTIMI CATASTALI A ZERO VISTO CHE E DEL MESTIERE .....

    RispondiElimina