lunedì 28 marzo 2011

IMMOBILIARISTI, COSTRUTTORI: UNITEVI A NOI!!!


In un'articolo apparso sul Il Gazzettino, ieri 27 marzo, la mediatrice immobiliare dell'agenzia TECNO CASA, Jassica Zanardo dà la colpa del calo delle vendite delle case attorno all'aeroporto ai volantini distribuiti dal nostro COMITATO. Noi le rispondiamo con questo video fatto due anni fa su un caso simbolo della tragica situazione immobiliare delle zone limitofe all'aeroporto.
Il video parla di una bellissima palazzina con 36 appartamenti sita in via Nogarè di Quinto. Nel 2009, quando è stato fatto il video erano abitati solo 2 appartamenti; a distanza di due anni gli appartamenti occupati o venduti sono solo 5!!!


Se i ventimila volantini da noi distribuiti risalgono a queste ultime settimane non vorrà dare a noi la colpa degli immobili invenduti! Due anni fa i nostri volantini non c'erano, invece c'era il Canova che è la vera causa della svalutazione degli immobili. Noi questa battaglia la stiamo facendo anche per salvaguardare le nostre case che si stanno svalutando sempre di più! Noi chiediamo il rispetto delle norme di legge sulla sicurezza e sulla salvaguardia della salute e dell'ambiente, anche a nome vostro, degli interessi dei proprietari degli immobili e dei costruttori che a causa dell'aeroporto (e non dei volantini) non vendono più niente. Dubitiamo che lei rapprsenti il pensiero della sua categoria ma l'evidenza dei fatti la dovrebbe portare alle stesse nostre conclusioni, quindi le consigliamo di unirsi con noi alla protesta perchè, forse, ora, perderà anche qualche affare ma se il piano di SAVE/AETRE va in (aero)porto poi rischia di chiuder bottega!!

Noi non allarmiamo nessuno, ci atteniamo alle cose dichiarate da SAVE. Eccone un'estratto da un articolo apparso sulla Tribuna il 15 ottobre 2010:
Un master-plan annunciato a grandi lienee ma ora pronto a partire. Le aree interessate dal progetto con cui Save ha accreditato le richieste presentate all'Enac ricadono sulla zona Noalese, ma sopratutto sui terreni ex militari lungo l'asta del Sile, in zona Canizzano.  Save-AerTre hanno organizzato gli investimenti in un piano operativo … l'adeguamento della pista di atterraggio e delle relative infrastrutture di volo per l'ottenimento della seconda categoria (18 milioni di spesa); ... l'ampliamento del terminal passeggeri, del piazzale aeromobili, dei parcheggi multipiano e di altre strutture di servizio (oltre 10 milioni di euro la spesa); ... (obiettivo 5,3 milioni di passeggeri) (cioè la triplicazione dei voli ndr) un ulteriore ampliamento del terminal passeggeri (12 milioni), così come del piazzale aeromobili (8,2 milioni) e un vastissimo piano di nuova edilizia tutt'attorno.  L'accordo a Roma è stato firmato dal direttore generale di Enac, Alessio Quaranta, e dall'amminstratore delegato di Aer Tre, Paolo Simioni, alla presenza di Enrico Marchi, presidente di Save, Carlo Archiutti, presidente della società trevigiana, e il sindaco di Treviso Gian Paolo Gobbo.”
I nomi propri in grassetto sono le persone a cui deve chiedere spiegazione del fatto che i suoi affari stanno sfumando, così vedrà i nostri volantini come una sana medicina, perchè è di malattia che stiamo parlando!!!!

P.S. Lei fa affari e contrattazioni per mestire, se una società come SAVE investe 130 milioni di euro come fa a pensare che si possa accontentare degli stessi voli e degli stessi passeggeri? SI ALLARMI SIGNORA, SI ALLARMI ANCHE LEI!!!

0 commenti:

Posta un commento