venerdì 11 febbraio 2011

CINISMO POLITICO A 360°

Mentre il sindaco Giancarlo Gobbo festeggiava, assieme ai vertici di SAVE/AERTRE il DUEMILIONESIMO passeggero transitato nel 2010, piovevano sulla testa degli abitanti di Treviso e Quinto, tonnellate di sostanze cancerogene e nocive alla Salute Umana.


In riferimento alle emissioni medie di altri aeroporti, l’aeroporto di Treviso, all'interno di un raggio di 5 km, calcolando
il passaggio di 2.000.000 di passeggeri, comporterebbe l’emissione annua di:
28.000 tonnellate di Biossido di carbonio (CO2),
217 tonnellate di Monossido di Carbonio (CO),
0,37 tonnellate di Ossidi di Zolfo (SOx),
140 tonnellate di Ossidi di Azoto (NOx)
17 tonnellate di Idrocarburi (HC).
che corrispondono alla combustione di quasi 9.000 tonnellate di benzina, ovvero l’equivalente di quella bruciata da 10.000 auto per percorrere 12600 km ognuna.
(vedi, in fondo pagina, la tabella descrittiva dei rischi derivati delle sostanze elencate)

Alla luce di queste cifre il Sindaco Gobbo e la sua Giunta si saranno mai chiesti che tipo di impatto ha sulla salute umana e sull'ambiente l'Aeroporto di Treviso?
Quale tipo di coscienza sociale e quale tipo di responsabilità istituzionale si può dare a persone che gioiscono sui lucrosi guadagni fatti da una società privata senza mettere in sicurezza la salute e le proprietà di decine di migliaia di concittadini?

Quello di far passare l'ampliamento dell'Aeroporto come un'opera che “assicura un percorso futuro che permetterà di valorizzare Treviso economicamente e turisticamente” come ha affermato in un'intervista il Sindaco, è una sentenza che si fa sopra la pelle e la salute dei Trevigiani e dei Quintini. Tutti quei cittadini che ogni anno si trovano ad affrontare allergie, malattie respiratorie, asma, otiti ed altri disturbi, come riportato in un opuscolo del 2000 distribuito da ARPAV, dove si elencano i rischi alla salute per chi è troppo esposto all'effetto delle Polveri Sottili.
  1. Un’esposizione di breve periodo può irritare i polmoni e causare broncocostrizione, tosse e mancanza di respiro.
  2. Le sostanze che si dissolvono dal materiale particellare possono causare danni alle cellule.
  3. Un’esposizione di lungo periodo a basse concentrazioni può indurre il cancro.

Non si può far passare come progresso economico una tale struttura senza prima verificare il suo impatto ambientale sul grande agglomerato urbano di Quinto e Treviso, per di più all'interno di un' area protetta del Parco del Sile!! 
E' stata un'azione di irragionevole cinismo politico firmare un contratto quarantennale con SAVE/AERTRE che permetterà a quest'ultima di ampliare “il Canova” senza prima aver considerato le ricadute sulla popolazione e sull'ambiente.
Se il Sindaco Gobbo e il responsabile alle politiche ambientali della sua Giunta, Vittorio Zanini vogliono far diventare Treviso e Quinto una nuova Bhopal noi non glielo permetteremo!!

Sotto la tabella dei veleni che inaliamo quotidianamente, nonché pericolosi all'ambiente; tanto per ricordarlo agli Amministratori sopra citati:
Biossido di Carbonio (CO2) – E’ il principale dei gas che causano l’effetto serra. L’emissione di CO2 è legata al consumo di carburante, secondo la proporzione per cui ad 1 kg di carburante combusto corrispondono 3,14 kg di CO2.
Monossido di carbonio (CO) – è un gas incolore ed inodore che si forma quando il carbone si ossida in scarsa presenza di aria. E’ un prodotto velenoso della combustione capace di legarsi alla emoglobina nel sangue, ed inibire il trasporto di ossigeno nei tessuti. Con ulteriore ossidazione si ottiene la CO2.
Ossidi di Azoto (NOx) – Sono composti chimici gassosi contenenti ossigeno ed azoto. Il monossido di azoto (NO) è un gas incolore rilasciato quando il rame viene in contatto con acido nitrico, oppure quando ossigeno ed azoto sono combinati ad elevate temperature. Al contatto con l’aria si ossida ulteriormente dando luogo al biossido di azoto (NO2). Il biossido di azoto è un gas acido dal colore marrone e dall’odore pungente, particolarmente dannoso per inalazione. E’ fra i principali composti che causano le piogge acide, e si discioglie in acqua dando luogo ad acido nitrico.
Ossidi di Zolfo (SOx) – Sono composti chimici gassosi contenenti ossigeno e zolfo. Il biossido di zolfo (SO2) è un gas incolore rilasciato che contribuisce alla formazione di piogge acide ed altera l’acidità del terreno. E’ particolarmente dannoso per inalazione.
Idrocarburi (HC) – Gli idrocarburi sono composti organici che contengono soltanto atomi di carbonio e di idrogeno, ottenuti principalmente dalla lavorazione industriale del petrolio e carbone. Gli idrocarburi, principalmente il benzene, sono sostanze cancerogene e contribuiscono alla formazione di ozono.
Particolato – Il particolato, o particolato sospeso, o pulviscolo atmosferico, o polveri sottili, o polveri totali sospese (PTS), sono termini che identificano l'insieme delle sostanze sospese in aria (fibre, particelle carboniose, metalli, silice, inquinanti liquidi o solidi). Questo particolato sospeso in aria si raccoglie soprattutto negli strati inferiori, in quantità e qualità variabile da luogo a luogo. Il particolato è l'inquinante che ha il maggiore impatto nelle aree urbane, ed è composto da tutte quelle particelle solide e liquide disperse nell'atmosfera, con un diametro che va da pochi nanometri fino ai 500 µm e oltre. Il particolato contiene frammenti di fuliggine, cancerogena.
Dante Faraoni - Comitato Aeroporto di Treviso  

PROSSIMA RIUNIONE COMITATO AEROPORTO - LUNEDI' 21 FEBBRAIO - C/O TENDONE PROLOCO DIETRO LA CHIESA DI CANIZZANO

0 commenti:

Posta un commento