venerdì 29 marzo 2013

ANCORA "BECHI E BASTONAI"!!

Tutti pensano che una struttura aeroportuale abbia un peso economico rilevante nel comune in cui risiede e che porti benefici diffusi per tutti. Questa è probabilmente un’idea di principio che molti hanno ma la questione non è proprio così scontata da come riporta questo articolo di Aerohabitat . Si riporta che a fronte di una tassa di imbarco pagata dai 3,5€ ai 4,5€ a passeggero, che nel 2012 ha fatto raccogliere ben 150 milioni di euro alle società di gestione, solo 0,50€ sono destinati ai Comuni. Ecco allora quanto spetta di quota addizionale comunale a Quinto e Treviso per il nostro amato “Canova”:


QUINTO DI TREVISO  1.921,06€
TREVISO  16.649,17€

Questi soldi, ai sindaci, non bastano neanche per comprarci le "mentine" per tutti gli abitanti!

A questa beffa economica si aggiunge anche la recente rinuncia da parte della regione Veneto nell’incassare ben 5 milioni di euro  dall'I.R.E.S.A. - Imposta Regionale Emissioni Sonore Aeromobili, una tassa in vigore dal 2001 e che servirebbe per indennizzare cittadini e comunità prossime agli scali aeroportuali dall'impatto acustico creato da decollo e atterraggio degli aeromobili.
 

Corriere di Verona - 8 marzo 2013
Ma si sa che i Veneti sono sempre i più furbi infatti regioni come l’Emilia Romagna e Lombardia hanno deciso di applicarla magari eliminando altre imposte a carico dei cittadini, visto anche il difficile momento economico di entrambi. 

Ecco la dichiarazione dell’assessore regionale del Veneto:
''Una scelta obbligata - ha spiegato l'assessore competente, Roberto Ciambetti - per non creare un danno agli aeroporti veneti e allinearci alle altre Regioni che hanno sospeso l'imposta in virtù delle richieste del ministero per lo sviluppo economico di arrivare a una scelta condivisa su tutto il territorio nazionale''.

E come avevamo già scritto in molti volantini da noi distribuiti, i cittadini di Quinto e Treviso restano: “Bechi e Bastonai”!!



Fonte: http://vivi-caselle.blogspot.it/2013/03/articolo-del-corriere-di-verona-il.html

 

0 commenti:

Posta un commento